Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica

La mia Presidente è differente

Luisa Oman 2014

Ci sono presidenti perennemente presenti, presiedono ovunque e comunque. La mia Presidente è differente, presiede se è proprio necessario, il più delle volte sta correndo, e quindi non sta seduta. Corre magari piano, commenta malignamente qualcuno, ma corre.
E corre nei luoghi più impensati, ed anche più suggestivi che ci siano sulla faccia del pianeta Terra.

Ci sono presidenti che stanno sempre appresso agli associati, li seguono e li inseguono. La mia Presidente invece è avanti. Il più delle volte è avanti anche nelle gare a cui partecipa.
Non è partecipa perché deve vincere, solo che le capita di vincere o di arrivare tra i primi. Sì anche in questo è differente, per la mia Presidente la classifica è fatta di persone, uomini o donne poco importa, persone che corrono. E dove corrono?

La mia Presidente non dice quasi mai spontaneamente dove correrà la prossima gara, glielo devi chiede di proposito e non è detto che ti risponda dettagliando troppi particolari.
Io mi sono convinto che non esageri nei dettagli per non impressionare chi la ascolta. Ha corso un bel po’ di maratone, ma tanto le maratone le corrono tutti, ormai. E qualcuna l’ha pure vinta, ma sì quella volta correva da sola (dicono le solite malelingue, che però non correvano). Ha corso un bel po’ di Marathon des Sables, sì quella gara a tappe nel deserto, con tappe lunghe come maratone un giorno dopo l’altro e poi anche una tappa lunga quanto due maratone…
Ha corso qualche gara in montagna, il cosiddetto trail, un po’ in giro sulle Alpi, alle Canarie, in qualche altra isola dell’Atlantico… A Boavista? (ora vediamo magari un girettino anche lì non sarebbe male, però ci sono troppi surfisti)
Poi un giretto a tappe nel deserto dell’Atacama in Cile, un giretto di qualche centinaio di km in Giordania. Ma dove non ha superato la naturale riservatezza (ha raccontato tutto su xrun) è quella volta che ha esagerato per davvero! In Oman, niente giretti questa volta: una traversata dal golfo dell’Oman fino all’Oceano Indiano valicando montagne brulle e scorrazzando per un enorme deserto di sabbia, per il bell’ammontare di oltre 300 km. Quante persone conoscete che si confondono se da Palermo devo andare a Ragusa in automobile? Figuratevi se una Signora può raccontare che attraversa il deserto a piedi, con posti per i rifornimenti ad una trentina di chilometri uno dall’altro.
E’ avanti perché cerca sempre qualcosa di nuovo, non si accontenta della solita routine. L’altra domenica è andata a provare un K3… (spaventatevi! è sponsorizzata dalla RedBull) Significa triplo Kilometro verticale, si partiva da 500 metri di quota e si arrivava in cima alla montagna a circa 3600 metri di quota. Per non fare troppo casino sulla vetta, lungo il tragitto c’erano i cosiddetti “cancelli”, al secondo cancello a quota 2800 (insomma poco più dei due primi km verticali) passavano solo le prime 20 donne e i primi 80 uomini, la mia presidente questa volta non è arrivata in vetta: era 23esima. Un pochino le dispiaceva perché non aveva fatto gli ultimi 800 metri di dislivello, e perché, rispetto, al solito non ha fatto molti km in orizzontale manco una decina!!!
Ve lo dicevo io che la mia Presidente è differente, provate voi a trovarne un’altra così!

Condividi questo Articolo
Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica