Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica

Corsa di asfalto e di vento all’Aspra

10308580_871319079595426_5581859101396808005_n

Non a caso Bagheria è la porta del vento, dal suo etimo arabo.
Ed il vento non era solo quello che soffiava da sud est, insidioso e fresco, ma gli spostamenti di aria prodotti dal passaggio dei podisti!
Con la fashion divisa rossa e nera, Salvo scattava imperioso, ma il doppio strato manica corta/canottiera produceva attrito imprevedibile ed esagerato con gli aerosol marini (lui corre a Misilmeri dove il tasso di iodio è inferiore) ed al secondo dei tre giri decideva di cimentarsi nella passerella rinunciando a tagliare il traguardo.
Nei concitati attimi della partenza grigliata (lo sapete che i primi mega100 partono da griglia riservata) il prode Zappulla riusciva nell’ardua impresa di mettersi a ridosso della famosa griglia (pare che la strategia sia stata studiata con Pierino, ma si vocifera che disquisissero di differente tipo di griglia!). Felipe nella pancia del gruppo si aiutava con la maglia arancio 5.30 di Maurizio per risalire il flusso dei podisti e farsi un baffo del vento, almeno fino a quando a forza di risalire podisti si ritrovò da solo su un rettilineo a prendere spintoni da Eolo, incavolato per via del fatto che nei primi due giri Felipe aveva sempre trovato modo di fare prendere gli spintoni agli altri.
Lo Zio Nino risorse dalle sofferte salite di Agrigento sopravanzato da Daniele (esordio cristallino, ma è uno che col vento non ha problemi per definizione!), Marco e Iron Locati (che fendevano le folate come fendono i flutti del mare mosso).
Quest’oggi abbiamo capito che si può correre senza facce stravolte dalla fatica (tipo la mia o quella Mauro) che si possono indossare i completini della Pah1330 con grazia inusitata e passare dal fashion al glamour anche correndo grazie a Giusy, Rossana, Samantha e Luana oggi all’esordio agonistico.
Per l’occasione lo Zio Nino indossava la tuta ufficiale, l’aver tralasciato le felpe dagli accostamenti improbabili è stato salutato dalla Presidente (che ha ceduto alle insistenze di Yaya che voleva a andare a vedere Monte Pellegrino da lontano!) come un segnale estremamente positivo.

Pah1330

 

Condividi questo Articolo
Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica