Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica

Il Passatore di Giusy

image

Una mattina incontro Scardavi e gli chiedo se mi aiutava a preparare il Passatore dato che lui aveva esperienza sulle lunghe distanze e lui accetta probabilmente pensa che non faccio sul serio così ne parlo con Antonio e Giovanni gli piace la mia idea ok a novembre si comincia. Incominciano gli allenamenti, le maratone e maratonine diventano appuntamenti fissi di ogni fine Settimana. Studiamo percorsi e strategie non è facile andare tutti d’accordo ognuno dice la sua. Dobbiamo fare 50 km no sono troppi, facciamone 40 dobbiamo farli a 8 no troppo lento non si può correre a 8 dai impostiamo un passo e manteniamolo. ……….questi erano diventati i nostri discorsi ormai si parlava solo di questo. Così passano i mesi e arriviamo al fatidico giorno si parte. Siamo a Firenze ci guardiamo negli occhi ognuno di noi cerca coraggio negli occhi dell’altro. Comincia a venirmi l’ansia penso alla notte io non ho mai corso di notte io non ho mai corso 100km aiuto che ci faccio qua. Mi osservo intorno e vedo tutta gente sorridente io invece ero in trance. Ok sono le 15.00 sento lo sparo siamo partiti inizia il viaggio Antonio e Giovanni dopo 10 minuti spariscono tra la folla accanto ho Scardavi non faceva altro che ripetermi Giusy piano ne abbiamo di tempo a ogni ristoro mi ricorda che devo mangiare e bere io lo seguo e lo ascolto come un soldatino. Sono passate 3.44″ e arriviamo a Borgo San Lorenzo la gente applaude saluta è una festa sto bene non sono stanca proseguo incontriamo Giovanni lui si ferma a fare delle foto noi continuiamo. Arriviamo alla Colle stiamo facendo un ottima gara sono passate 6.16″ decidiamo di non cambiarci fa caldo abbiamo fatto 50km il peggio e passato ora si scollina. E via incomincia la discesa quella che se non stai attento ti ammazza le gambe vorresti lasciarti andare ma devi trattenerti. E così proseguo ogni 5 km un ristoro arrivo al 75 km e puntuale ad aspettarmi c’è la crisi . Comincio ad avere dolori ho in po di nausea senso di vomito e poi c’è la notte non si vede nulla ormai vado avanti per inerzia comincio a non mangiare più ai ristori, sento che il motore si sta spegnendo. Scardavi mi obbliga a mangiare prendiamo un piatto di pasta in bianco e per magia mi si ricaricano le batterie via si ricomincia a correre. Ogni tanto ci guardavamo dietro a cercare Giovanni ma nulla e di Antonio nessuna traccia. Proseguiamo abbiamo un buon ritmo superiamo un bel po di persone ma arrivati al 90Km le gambe fanno malissimo me ne rimangono 10, mi ripeto in continuazione che sono arrivata ,ma sono stati i 10km più lunghi della mia vita podistica ultimo ristoro me ne restano 5 poi 4 tre due uno 500mt e tra una lacrima e un sorriso siamo arrivati guardo a Scardavi lui mi dice è finita Cottone c’è l’hai fatta lo ringrazio e finalmente incontriamo anche Antonio pure lui distrutto ci abbracciamo e ci congratuliamo a vicenda manca solo Giovanni arriva dopo un paio di ore ma siamo tutti e quattro dei finisher. (Giusy Cottone)

Condividi questo Articolo
Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica