Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica

Maratona di Parigi secondo Giuseppe

7F9ED882-2F95-47E6-A4DB-942474117D86

Parigi luce di pioggia e di conquista, direbbe Paolo Conte. La pioggia per oggi è scongiurata, anzi.. ma un po’ francesi ci sentiamo noi nell’arroganza di affrontare la più dura delle corse.

Tutte le maratone si assomigliano, in un certo senso. Le stesse facce allegre da gitanti fuoriporta, gli stessi sguardi impegnati a riavvolgere la pellicola di un film che tante e tante volte si è immaginato durante allenamenti estenuanti, gli stessi consigli prodigati da chi crede di saperne di più, le stesse vane promesse di rimanere insieme fino alla fine…

Ma ogni maratona è diversa dalle altre, in un altro senso.

Ogni gara ha la sua gioia e la sua pena, e sono indicibili entrambe perché il gesto fisico annulla la necessità della parola. Alla fine c’è solo un numero che esprime ore, minuti, secondi e che dovrebbe essere il massimo dell’oggettività. Ogni traguardo cronometrico sarà un impresa eroica per qualcuno e un fiasco per qualcun’altro e alla fine tutto si riduce ad un gioco infantile tra bambini di 50 e passa anni. Parigi è splendida nel reggere il gioco, nel celebrare la festa dell’esserci, nel calore della gente che anima persino le parole più banali attraverso un accento spostato “allè, Giuseppè!” .

E alla fine ci convinciamo che è andata bene.

 

 

 

Giuseppe Polizzotto

Condividi questo Articolo
Associazione Sportiva Dilettantistica Palermo H 13,30 - Società Podistica